Comune di Prato

Protezione Civile Comune di Prato

Attività

2 - Prevenzione

L’attività di prevenzione è l’insieme delle azioni da porre in essere per evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti ad eventi calamitosi, anche sulla base delle conoscenze acquisite a seguito dell’attività di previsione. 

Anche in questo caso, come per l' attività di Previsione, la conoscenza del territorio e delle soglie di pericolo per i vari rischi costituisce la base, per individuare gli indirizzi e le linee dei vari tipi di interventi di prevenzione possibili.

Tali azioni possono essere di carattere strutturale e/o organizzativo del sistema di protezione civile, finalizzate a ridurre il grado di pericolosità, vulnerabilità ed esposizione. In pratica finalizzate a giungere a quello che, in gergo, viene definito "Rischio Residuo", cioè quel rischio che, inevitabilmente, comporta un evento calamitoso.

Una corretta ed efficiente organizzazione del "sistema protezione civile" va in questa specifica direzione e quindi, pur non essendo un intervento strutturale, assume una grandissima rilevanza la possibilità di poter disporre di uno specifico Piano Comunale di Protezione Civile che contenga, oltre alla specifica delle varie tipologie di rischio, un dettagliato protocollo di intervento in caso di eventi, siano essi prevedibili o meno.

È compito della protezione civile individuare e segnalare alle autorità competenti gli interventi utili a ridurre entro soglie accettabili la probabilità che si verifichino eventi disastrosi, o almeno a limitare il possibile danno. 

In questo contesto si inquadrano tutte le attività volte all'aggiornamento di specifiche "mappe del rischio" come la revisione della carta sismica (nazionale e regionale", il costante adeguamento della carta del rischio idrogeologico (nel nostro caso quella riferita al bacino del Fiume Arno e conseguentemente di tutti i sui affluenti) nonchè ogni altro studio di rischio.

Di seguito i riferimenti legislativi nazionali e regionali relativi alla attività di prevenzione

D. Lgs 1/2018

L’articolo 2, comma 3, del D. Lgs 1/2018 individua, in modo chiaro ed esplicito, quali siano le attività che il “sistema” di protezione civile deve attuare e, in riferimento alla prevenzione, specifica:

"La prevenzione consiste nell’insieme delle attività di natura strutturale e non strutturale, svolte anche in forma integrata, dirette a evitare o a ridurre la possibilità che si verifichino danni conseguenti a eventi calamitosi anche sulla base delle conoscenze acquisite per effetto delle attività di previsione"

Legge Regionale 67/2003

L’articolo 4, comma 1, della Legge Regione Toscana 29 dicembre 2003 n. 67 specifica quali siano le attività previste per il "sistema" di protezione civile e, nello specifico, in cosa consista l'attività di prevenzione:

"L'attività di prevenzione è finalizzata a ridurre i rischi individuati ai sensi dell'articolo 3 attraverso: 

  1.  la realizzazione di interventi anche di carattere strutturale, che eliminano o riducono il grado di pericolosità, vulnerabilità ed esposizione; 
  2.  il miglioramento della capacità di reazione del sistema di protezione civile agli eventi di cui all'articolo 2".

Il citato articolo, inoltre, chiarisce che l'attività di prevenzione può consistere sia nella realizzazione di interventi (anche di carattere strutturale) finalizzati all'eliminazione o alla riduzione del rischio, sia nel miglioramento delle capacità reattive del sistema stesso.


Ultimo aggiornamento dei contenuti:
giovedì 02 maggio 2019

- Inizio della pagina -
Il progetto Protezione Civile del Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it